Un mese di smartworking nella città portoghese di Bragança con una casa pagata

Questo è l'invito del consiglio comunale di Bragança, che pagherà il tuo alloggio in città per un mese.

Lavora da Bragança, Portogallo
Lavoro da Bragança, Portogallo / Foto di Tony Ramos de Pina su Unsplash
1 aprile 2021, Redazione

Se lavori da casa in smartworking e sei stufo di vedere sempre le stesse 4 pareti, questa potrebbe essere la soluzione che fa per te. Il comune di Bragança, nel nord-est del Portogallo, ha appena lanciato un progetto pilota, nell'ambito del quale si invita i lavoratori a trasferirsi per un mese e vivere l'esperienza nella città di Bragança, situata nella sottoregione di Trás-os-Montes. Ciò include una casa a pagamento e connessione internte inclusa nella sistemazione. Le iscrizioni sono iniziate alla fine di marzo 2021 e le famiglie o i singoli lavoratori possono ancora presentare domanda. Abbiamo qui tutti i dettagli.

L'iniziativa conosciuta nell'area come "Bragança. Liberdade para Recomeçar" (Bragança. Libertà per ricominciare) fa parte del Programma di cooperazione URBACT - Trova la tua grandezza, un progetto finanziato dall'Unione Europea. Questo programma promuove l'attuazione di progetti pilota come un modo per apprendere e intercambiare esperienze per la promozione dello sviluppo sostenibile nelle città europee.

"Attraverso questo progetto intendiamo condividere la qualità della vita che Bragança ha da offrire a chi sceglie di vivere e lavorare da qui, sottolineando che è possibile connettersi con il mondo del lavoro e, allo stesso tempo, godere di un invitante territorio, dove potersi prendere una pausa e allontanarsi dal ritmo frenetico della vita quotidiana", afferma Hernâni Dias, sindaco di Bragança, citato sul sito web del comune.

Il sindaco crede nel successo di questo programma, grazie al quale le persone possono "ricominciare a Bragança", tenendo conto dei cambiamenti nel mondo del lavoro, vale a dire l'aumento dello smartworking imposto dalla pandemia di COVID-19, poiché "molte attività possono ora essere realizzate da qualsiasi parte del mondo" e, "nell'ultimo anno, i residenti in Portogallo hanno riscoperto il fascino delle regioni interne del paese".

Documentario sui nomadi digitali

Al fine di creare le condizioni per sviluppare l'esperienza e facilitare il processo di integrazione, ai "nuovi residenti a Bragança viene assicurato, gratuitamente, durante il mese di maggio, un alloggio con tutti i comfort per garantire la qualità della vita e la possibilità di lavorare da remoto", come viene spiegato anche nel sito del comune. A chi sceglie di trascorrere il mese in città è stato anche promessa una cesta di benvenuto con prodotti regionali e buoni esperienza per diverse attrazioni situate a Bragança.

A loro volta, i partecipanti devono raccogliere la sfida e vivere in modo autonomo nel comune, condividendo la loro esperienza attraverso i social network. Al termine del mese verrà condiviso un documentario per trasmettere la quotidianità dei "nuovi Brigantini", per condividere l'apprendimento e valutare l'efficacia del progetto pilota.

Dopo essere stati selezionati, (la procedura di candidatura è aperta fino al 10 aprile 2021), i nomadi digitali stessi sceglieranno l'alloggio dove vogliono soggiornare: 1 proprietà si trova nella città di Bragança e altre 3 nei paesi vicini al comune.

Uno dei vantaggi evidenziati dalla città ha a che fare con la possibilità per i candidati di lavorare a contatto con la natura. Il comune di Bragança fa parte della Biosfera Transfronteiriça Meseta Ibérica, un marchio di eccellenza assegnato dall'UNESCO. Si tratta di una distinzione estesa all'intero Parco Naturale di Montesinho, di cui fa parte anche Bragança.

Pronto per trovare la casa dei tuoi sogni?

Pronto per trovare la casa dei tuoi sogni?

Trova case in vendita e in affitto a lungo termine su idealista