I residenti in Portogallo hanno lasciato le città per andare a vivere in campagna durante il Coronavirus

Alcuni residenti in Portogallo hanno deciso di lasciare temporaneamente le loro case e trasferirsi in altre aree rurali, nonostante sia stato consigliato di non farlo.

Gtres
Gtres
8 aprile 2020, Redazione

Scappare dalle grandi città, vale a dire Lisbona e Porto, e andare in una zona più tranquilla o meno frequentata del paese, come un paesino dell'Alentejo: questo è quello che hanno fatto alcuni residenti portoghesi nel tentativo di evitare il COVID-19. Tuttavia, questa non sembra essere stata la decisione corretta. Innanzitutto, tutto questo aumenta solo la possibilità che un maggior numero di persone vengano infettate dal coronavirus, specialmente nelle aree in cui vi è una popolazione più anziana e in cui l'assistenza medica non è così ampiamente disponibile.

Secondo l'opinione pubblica, questo è un fenomeno che si sta moltiplicando in tutto il paese, con una insolita tendenza migratoria delle persone che si spostano nell'entroterra nel peggior momento possibile. Coloro che vivono permanentemente in queste aree interne sono esposti a un rischio maggiore, quando altrimenti potrebbero non essere minacciati dalla pandemia.

"C'è stato un grande aumento di persone da circa una settimana. Alcune persone sono venute da Lisbona, ma ci sono anche stranieri che si sono spostati perché hanno una casa vacanze qui e di solito vengono solo in estate", ha dichiarato un negoziante la parrocchia di Coja ad Arganil nel quotidiano portoghese Público. Il negoziante, che ha chiesto di non essere identificato, ha anche spiegato: "Ho anche amici che vivono in Spagna e che sono tornati. Comprendiamo la situazione, vivevano in appartamenti e qui hanno un cortile o un giardino, ma è comunque una preoccupazione per noi".

Questo è uno scenario che è stato confermato dal sindaco di Arganil, Luís Paulo Costa, che aggiunge che "c'è stato un aumento significativo delle persone sul territorio". Ha aggiunto che il consiglio ha anche "sensibilizzato coloro che sono già arrivati ​​nell'area, la maggioranza dei cittadini di Arganil, a mantenersi in isolamento sociale", sottolineando che il comune non può fare molto di più e che il primo caso di l'infezione in Arganil è stata confermata lunedì 23 marzo.

Spostandosi a sud, nella regione dell'Alentejo, ci sono stati anche segni di persone che appaiono in alcune delle aree più rurali che, fino ad ora, sono state in gran parte disabitate.

"Ho già notato tre coppie in questa zona. Una è venuta dalla Francia e un'altra da Lisbona", ha dichiarato Amilcar Palma, un pastore che è stato anche citato sul giornale. "E gli amici mi dicono che le persone sono già apparse anche a Vale do Poço", una città costruita proprio sulla linea di demarcazione dei comuni di Serpa e Mértola.
"Le persone dovrebbero rimanere esattamente dove sono", avverte.

Articolo visto su: Não, esta não é a melhor altura para ir viver para uma aldeia (Público)

Pronto per trovare la casa dei tuoi sogni?

Pronto per trovare la casa dei tuoi sogni?

Trova case in vendita e in affitto a lungo termine su idealista