Ripresa economica in Portogallo dopo il COVID-19

La Commissione europea è "ottimista" sulla ripresa economica del Portogallo dopo il COVID-19 e ritiene che il modo in cui il paese "controllerà" la pandemia favorirà la ripresa del turismo quest'estate.

jan-vt-wrhatf3xp84-unsplash_0.jpg
Jan vT / Unsplash
16 giugno 2020, Redazione

La Commissione Europea afferma che è "ragionevolmente ottimista" sulla "rapida ripresa economica" del Portogallo dopo la crisi generata dal COVID-19 e ritiene che il modo in cui il paese "controllerà" la pandemia andrà a beneficio del recupero del turismo questa estate. Nicolas Schmit, commissario europeo per l'Occupazione, prevede che la ripresa dell'economia portoghese "avverrà in tempi relativamente rapidi, il che permetterà anche alla disoccupazione di diminuire più rapidamente rispetto alla crisi precedente".

"Al momento, sono ragionevolmente ottimista sul Portogallo", ha dichiarato in un'intervista all'agenzia di stampa Lusa a Bruxelles. Il commissario ha ricordato che "il Portogallo è stato pesantemente colpito dalla precedente crisi "10 anni fa", che ha avuto ripercussioni molto gravi nel paese e ha colpito soprattutto i giovani, molti dei quali hanno dovuto lasciare il paese per trovare nuove opportunità", ma ritiene che in breve la situazione sarà diversa.

Nicolas Schmit ha anche elogiato il fatto che il Portogallo "è riuscito a tenere abbastanza sotto controllo la pandemia. Non è stato uno dei paesi più colpiti e penso che questo sia un elemento positivo per il Portogallo e per il settore del turismo", ha sottolineato.

Bruxelles stima una caduta del PIL del 6,8% in Portogallo nel 2020

La Commissione Europea stima che l'economia portoghese si contrarrà del 6,8% nel 2020, in modo meno grave rispetto alla media europea, ma prevede una ripresa nel 2021 del 5,8% del PIL, inferiore alla media dell'UE (6,1%) e alla media della zona euro (6,3 %). È stato inoltre previsto un tasso di disoccupazione del 9,7% per il 2020, scendendo al 7,4% l'anno successivo.

"Le previsioni che abbiamo a disposizione indicano un aumento della disoccupazione in Portogallo quest'anno, lo stesso di altri Stati membri", ha aggiunto Nicolas Schmit, sottolineando che "stiamo già assistendo ad un aumento della disoccupazione perché le persone hanno perso il lavoro durante il lockdown", ma dobbiamo" mettere in atto le misure giuste per limitarlo e aiutare il Portogallo a riprendersi vigorosamente ".

Secondo Schmit, è qui che la proposta della Commissione Europea di un fondo di recupero di 750 miliardi di euro per riparare i danni causati dalla pandemia del COVID-19, di cui il Portogallo "è anche un beneficiario", sta contribuendo a "ridurre questa grave recessione". La proposta prevede che, sull'importo complessivo del fondo che la Commissione stessa dovrà raccogliere sui mercati, 500 miliardi di euro saranno indirizzati agli Stati membri attraverso sovvenzioni non rimborsabili e i restanti 250 miliardi di euro sotto forma di prestiti.

Il Portogallo potrebbe raccogliere un totale di 26,3 miliardi di euro, 15,5 miliardi di sovvenzioni e i restanti 10,8 milioni sotto forma di prestiti (volontari) a condizioni molto favorevoli, ma la decisione sull'opportunità di approvare la proposta spetta ai leader europei.

Pronto per trovare la casa dei tuoi sogni?

Pronto per trovare la casa dei tuoi sogni?

Trova case in vendita e in affitto a lungo termine su idealista