Glamping nelle Azzorre: un campeggio chic in mezzo alla natura

In questo progetto di ecoturismo sull'isola di São Jorge, gli ospiti dormono nelle yurte, le tradizionali tende della Mongolia.

Un nuovo progetto di "glamping" in Portogallo / Retiro Atlântico
Un nuovo progetto di "glamping" in Portogallo / Retiro Atlântico
24 marzo 2020, Redazione

Più che un'impresa, il Retiro Atlântico è un progetto di vita ed è il primo glamping (campeggio glamour) sull'isola di São Jorge, alle Azzorre.
Con una fattoria biologica certificata, l'idea è nata per mano di una coppia locale, sempre legata alla natura. In questo piccolo paradiso, come viene chiamato, gli ospiti avranno la possibilità di godere del comfort all'interno di una yurta, una tenda tradizionalmente utilizzata dai pastori nomadi della Mongolia. Questo campeggio "particolare" consta di un totale di quattro tende ed è operativo dall'agosto 2019, ed è solo una delle tante iniziative "green" che fanno delle Azzorre una destinazione sempre più sostenibile. Diamo un'occhiata a questo rifugio e incontriamo i proprietari, Natacha Moitinho e Hugo Mesquita.

Hugo, uno dei capisquadra del progetto, è laureato in Scienze della natura, è originario dell'isola di São Jorge ed è specializzato in permacultura. La sua passione per le piante lo ha motivato a costruire e sviluppare questa fattoria biologica. Natacha ha una laurea in Comunicazione Sociale e Culturale, oltre a un Master in Studi e Politiche di Genere. In precedenza ha fatto volontariato in India, Cina e Capo Verde e nel 2012 ha deciso di "seguire il suo cuore" e si è trasferita in questa isola delle Azzorre.

La coppia, che dice di essere sempre stata legata alla natura, ha deciso di scommettere sul turismo e di fare qualcosa di innovativo, ma anche sostenibile. Ed è così che è nato il Ritiro Atlantico, un progetto glamping dove gli ospiti dormono nelle yurte e possono "svegliarsi al suono degli uccelli, lasciarsi avvolgere dalle innumerevoli varietà di piante presenti nello spazio e meravigliarsi con la vista sul Monte Pico", per dirla con le parole di Hugo e Natacha. Hanno scelto le insolite yurte mongole perché sono "belle, resistenti e adatte all'ambiente".

Il progetto ha avuto il sostegno del Governo regionale delle Azzorre, attraverso un programma chiamato Competir+, e ha richiesto circa un anno e mezzo per essere completato. La costruzione è stata completata da un imprenditore dell'isola, ma "gran parte dei muri di pietra, degli alberi e delle strade sono stati realizzati da noi e dal padre di Hugo", dice Natacha.

All'esperienza di Glamping si aggiunge un'azienda agricola biologica, iniziata come progetto amatoriale e personale, ma già certificata. Ha oltre 2.500 varietà di piante commestibili e una collezione di rari frutti tropicali. Diamo un'occhiata all'interno di questo complesso di glamping-fattoria.

La cucina in comune / Retiro Atlântico
La cucina in comune / Retiro Atlântico
Un resort in mezzo alla natura / Retiro Atlântico
Un resort in mezzo alla natura / Retiro Atlântico
Vista del glamping / Retiro Atlântico
Vista del glamping / Retiro Atlântico
Vista mozzafiato sul Monte Pico / Retiro Atlântico
Vista mozzafiato sul Monte Pico / Retiro Atlântico
Ci sono 4 yurte in questo glamping / Retiro Atlântico
Ci sono 4 yurte in questo glamping / Retiro Atlântico
Dettagli / Retiro Atlântico
Dettagli / Retiro Atlântico
Ogni yurta ha un interno confortevole / Retiro Atlântico
Ogni yurta ha un interno confortevole / Retiro Atlântico
Interno della yurta / Retiro Atlântico
Interno della yurta / Retiro Atlântico
Una delle yurte che viene utilizzata come alloggio / Retiro Atlântico
Una delle yurte che viene utilizzata come alloggio / Retiro Atlântico
Pronto per trovare la casa dei tuoi sogni?

Pronto per trovare la casa dei tuoi sogni?

Trova case in vendita e in affitto a lungo termine su idealista