Nuove regole per gli agenti immobiliari in Portogallo dal 26 giugno 2019 - guida completa

Marvin Tolentino/Unsplash
Marvin Tolentino/Unsplash
25 giugno 2019, Redazione

A partire da questa settimana, le agenzie che operano nel settore immobiliare saranno soggette ad una nuova regolamentazione che entrerà in vigore a partire dal 26 giugno 2019 e che comporta obblighi aggiuntivi.
Gli agenti immobiliari, ad esempio, avranno nuove regole sull'identificazione, il controllo e le informazioni sulle operazioni di acquisto, locazione, vendita o scambio di beni immobili.

Si tratta di un regolamento per prevenire e combattere il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo che copre tutte le attività di mediazione e sviluppo immobiliare, affitto e acquisto, vendita o scambio di beni immobili, come riassume l'agenzia di stampa portoghese Lusa.

Quali sono i nuovi obblighi?

  • A partire da mercoledì 26 giugno 2019, l'identificazione del cliente deve essere effettuata prima dell'instaurazione del rapporto commerciale e deve includere la raccolta del nome, indirizzo, nazionalità, NIF, professione e datore di lavoro o, nel caso di società, l'indirizzo della sede legale o della filiale o l'identificazione di tutti i titolari con partecipazioni superiori al 5%.
  • Oltre a tale identificazione, i soggetti con attività immobiliare sono tenuti a disporre di una registrazione scritta delle informazioni raccolte, che deve essere conservata per sette anni, e a definire modelli di gestione del rischio per identificare le operazioni sospette di riciclaggio o di finanziamento del terrorismo.
  • I nuovi obblighi di identificazione e notifica saranno richiesti nel caso di un'operazione per un importo pari o superiore a 15.000 euro, quando l'agente immobiliare o l'intermediario sospetti che le operazioni in questione possano essere correlate al riciclaggio o al finanziamento del terrorismo o in caso di dubbi sulla veridicità dei dati di identificazione del cliente.
  • Secondo queste nuove regole, gli enti immobiliari devono comunicare all'Instituto dos Mercados Públicos do Imobiliário e da Construção (IMPIC) i dettagli di ogni transazione immobiliare in cui sono coinvolti, nonché i dettagli dei contratti di locazione con un valore locativo mensile pari o superiore a 2.500 euro.
  • Le aziende del settore con più di cinque dipendenti devono inoltre disporre di un responsabile della conformità normativa (Responável pelo Cumprimento Normativo o RPN).

Le difficoltà nell'applicazione delle norme possono raffreddare il mercato

Sebbene consideri questa nuova norma come "un passo fondamentale" per il settore immobiliare, António Oliveira e Silva, avvocato di Broseta, Roquete Morais e Guerra, citato da Lusa, avverte che alcune entità avranno difficoltà nel rispondere a nuove richieste.

"I report informativi, la raccolta e l'elaborazione dei dati che ora sono richiesti ai professionisti del settore, anche se sono richieste legittime, ostacoleranno la vita quotidiana delle aziende, soprattutto le più piccole", spiega l'avvocato nelle dichiarazioni all'agenzia di stampa.

"Ci sono una serie di procedure piuttosto onerose che, logicamente, aumenteranno immediatamente i costi per le aziende e gli operatori del mercato", ha detto, sottolineando l'importanza della formazione.

Un esempio della difficoltà e dell'importanza della formazione è, ha detto, il fatto che le persone dovranno prestare attenzione agli "indicatori di sospetto", e la legislazione stabilirà anche un quadro penale e di infrazione, che può portare a pene detentive da due a dodici anni e multe di migliaia di euro.

António Oliveira e Silva ritiene che il regolamento causerà "qualche inconveniente" e potrebbe anche contribuire ad un certo raffreddamento del settore perché ci saranno timori e dubbi su "cosa fare, cosa comunicare o non comunicare".

Pronto per trovare la casa dei tuoi sogni?

Pronto per trovare la casa dei tuoi sogni?

Trova case in vendita e in affitto a lungo termine su idealista