Come e quando può essere venduta la casa del portiere?

casa_da_porteira.jpg
Deco Alert: cosa puoi fare con l'appartamento del portiere vuoto? / Golden Box Mail
8 agosto 2018, Redazione

Hai un portiere nel tuo condominio o lo hai sempre fatto di mestiere? Nel tuo palazzo c'era un appartamento dove viveva il portiere, ma ora è vuoto? I vicini intendono venderlo per aumentare le entrate della comunità?

Nell'articolo di oggi per idealista/news da Deco (l'Associazione portoghese in difesa dei diritti dei consumatori), spiegheremo le procedure necessarie per vendere questo appartamento.

"Per quasi 35 anni, il nostro edificio ha avuto una signora come portiera che ha sempre vissuto nella casa in cui lavorava. Di recente, raggiunti limiti di età, è andata in pensione e la sua idea è quella di tornare al suo paese natale. Così, durante l'incontro dei vicini, è stata discussa la questione della sua vecchia casa, che ora è disabitata. È possibile vendere questa proprietà e come?"

La casa del portiere è l'espressione comune usata per riferirsi alla parte dell'edificio in cui vive o viveva il concierge. È tecnicamente inclusa nelle aree comuni appartenenti alla Comunità di proprietari, e una volta venduta, i profitti vanno verso le casse delle associazione dei proprietari di casa.

Tuttavia, per rispondere alla domanda del lettore, dobbiamo conoscere il tipo di contratto esistente tra le parti, il portiere e il condominio, ad es. se abbiamo a che fare con un contratto di locazione o un contratto di lavoro.

Dal racconto che ci ha inviato il proprietario dell'immobile in questione, riteniamo che questo sia un contratto per l'esercizio della professione di portineria, che comprende la retribuzione e la concessione gratuita di uno spazio in cui vivere. Così, quando il contratto di lavoro è terminato, anche il diritto del dipendente di usare la casa scade. Pertanto, l'appartamento rimane vuoto.

Affinché tutto vada bene, l'amministrazione comunitaria deve iniziare informando il portiere o la donna, a mezzo lettera raccomandata con avviso di ricevimento, della scadenza del contratto di lavoro e dei diritti relativi alla casa.

Quando tutto è reso perfettamente chiaro e le parti sono state pienamente informate, la comunità può andare avanti e vendere la propria proprietà comune, che richiede solo l'approvazione unanime di tutti i vicini.

Se questo fondo non è ancora una parte autonoma del palazzo, il titolo del condominio ed i dettagli del catasto devono essere modificati.

Da quel momento in poi, dovranno essere seguiti questi passi:

  • Domanda per il certificato energetico;
  • Ottenere e aggiornare l'atto di acquisto e vendita;
  • Distribuzione dell'importo di vendita tra tutti i vicini, in proporzione al valore delle loro frazioni;
  • Dichiarazione di ciascun vicino nell'edificio all'ufficio delle imposte dell'importo ricevuto, ai fini del calcolo dell'imposta sulle plusvalenze.

In questo modo, è possibile, e forse anche desiderabile, vendere l'appartamento del vecchio portiere inutilizzato nel tuo condominio.
Assicurati di seguire tutte le procedure per evitare di metterti nei guai.

Pronto per trovare la casa dei tuoi sogni?

Pronto per trovare la casa dei tuoi sogni?

Trova case in vendita e in affitto a lungo termine su idealista